Indice articoli

Art. 2

(Comportamento a bordo)

Ai passeggeri degli autobus non è consentito:

  • Salire o scendere quando la vettura è in marcia, viaggiare sui predellini o comunque aggrappati all’esterno delle vetture
  • Distrarre od ostacolare il conducente nell’esercizio delle sue funzioni;
  • Fumare a bordo delle vetture;
  • Salire e scendere da porte diverse da quelle prescritte ed in luoghi diversi da quelli stabiliti per le fermate
  • Utilizzare il servizio di trasporto pubblico senza biglietto o abbonamento o altro titolo che ne autorizzi la circolazione;
  • Occupare più di un posto a sedere od ingombrare in qualsiasi modo i corridoi, le pedane e le porte;
  • Sporcare, imbrattare, trafugare e/o danneggiare parti delle vetture e delle sue attrezzature di bordo;
  • Tenere comportamenti che possano arrecare disagio, disturbo o danno alle persone;
  • Utilizzare senza necessità il comando di apertura di emergenza delle porte;
  • Esercitare attività pubblicitarie e/o commerciali, anche se con scopo benefico, senza la preventiva autorizzazione dell’azienda concessionaria;
  • Portare armi cariche (ad eccezione degli agenti di P.S. od equiparati), trasportare materiali esplosivi o infiammabili, acidi corrosivi, oggetti che presentano spigoli contundenti od appuntiti, colli ingombranti, oggetti comunque pericolosi o che possano danneggiare o sporcare i viaggiatori e la vettura o costituire rischio per i passeggeri;
  • Salire sugli autobus in stato di ebbrezza o in condizioni fisiche e/o psicofisiche tali da arrecare danno a sè e/o agli altri passeggeri o da non consentire il corretto utilizzo del servizio;
  • Sporgersi dai finestrini o gettare oggetti dai medesimi.

I passeggeri sono tenuti a:

  • Attenersi a tutte le prescrizioni ed alle formalità legate ai controlli di sicurezza;
  • Cedere il posto ai mutilati ed agli invalidi, per i quali sono riservati i relativi posti in vettura (art. 27 Legge 118/71);

e sono altresì invitati ad agevolare le persone anziane, le donne in stato di gravidanza e le persone con bambini non autosufficienti al seguito.